Sull’inferenza statistica tra passato e presente