Dinanzi alla manifesta insussistenza del fatto il giudice «può» o «deve» reintegrare?