I “folk devils” ai tempi del coronavirus. La costruzione del capro espiatorio nel coverage giornalistico