"Un attentato quasi-terroristico". Macerata, Twitter e le opportunità dell'arena pubblica