Il teatro come "piacere di essere altrove": una finzionalità pedagogica