Giordano Bruno e Arthur Schopenhauer. Una cura nella grande pandemia