La vulnerabilità dell’interprete. Riflessioni di un pianista