“Niente sarà più come prima”. Sui giorni del coronavirus come “epoca”