Senza mano nella tua mano. Modernità, epidemia, e il corpo inaccessibile