Partecipazione personale ed effettività del procedimento: verso una eterogenesi dei fini?