Si tratta di una ricerca Prin "Qualità della ricerca e documentazione scientifica nelle scienze pedagogiche", responsabile nazionale Umberto Margiotta e responsabile dell'Unità locale Luigi d'Alonzo. La riflessione che si intende sviluppare in questo contributo, riferendoci ad un’analisi di ampio respiro, riguarda la dimensione assiologica della Special Education. Quello che si vuole evidenziare riguarda i valori, i principi, le norme e i fini della Special Education, una scienza giovane che ha già conosciuto molte evoluzioni, rispetto al suo avvio iniziale; la sua ricchezza di disciplina – impegnata in “zone di frontiera” assiologiche, epistemologiche e operative – è cresciuta grazie all’impegno dei pedagogisti speciali che hanno contribuito alla costruzione di un sapere pedagogicamente fondato sulla scelta di valori, aventi “il carattere della desiderabilità per l’uomo, capaci di orientare e di dare un senso alla vita delle persone” (Bertolini, 1996, p. 689). La Pedagogia Speciale, soprattutto in Italia, ha tracciato nuove traiettorie di riflessione, di ricerca e di pratiche, rendendo sempre più chiaro e intelligibile il proprio statuto – grazie anche ad un continuo arricchimento della propria identità e del proprio linguaggio – che ha portato ad importanti produzioni scientifiche riguardanti la Pedagogia Speciale stessa, nonché sulle sue direzioni di senso.

Caldin, R., Cinotti, A., Friso, V. (2014). La dimensione assiologica. In L. d'Alonzo (a cura di), Ontologia Special Education (pp. 175-214). Lecce : Pensa Multi Media.

La dimensione assiologica

Cinotti, A;
2014

Abstract

Si tratta di una ricerca Prin "Qualità della ricerca e documentazione scientifica nelle scienze pedagogiche", responsabile nazionale Umberto Margiotta e responsabile dell'Unità locale Luigi d'Alonzo. La riflessione che si intende sviluppare in questo contributo, riferendoci ad un’analisi di ampio respiro, riguarda la dimensione assiologica della Special Education. Quello che si vuole evidenziare riguarda i valori, i principi, le norme e i fini della Special Education, una scienza giovane che ha già conosciuto molte evoluzioni, rispetto al suo avvio iniziale; la sua ricchezza di disciplina – impegnata in “zone di frontiera” assiologiche, epistemologiche e operative – è cresciuta grazie all’impegno dei pedagogisti speciali che hanno contribuito alla costruzione di un sapere pedagogicamente fondato sulla scelta di valori, aventi “il carattere della desiderabilità per l’uomo, capaci di orientare e di dare un senso alla vita delle persone” (Bertolini, 1996, p. 689). La Pedagogia Speciale, soprattutto in Italia, ha tracciato nuove traiettorie di riflessione, di ricerca e di pratiche, rendendo sempre più chiaro e intelligibile il proprio statuto – grazie anche ad un continuo arricchimento della propria identità e del proprio linguaggio – che ha portato ad importanti produzioni scientifiche riguardanti la Pedagogia Speciale stessa, nonché sulle sue direzioni di senso.
No
Scientifica
Capitolo o saggio
pedagogia speciale; assiologia; direzioni di senso; disabilità
Italian
Ontologia Special Education
9788867602063
Caldin, R., Cinotti, A., Friso, V. (2014). La dimensione assiologica. In L. d'Alonzo (a cura di), Ontologia Special Education (pp. 175-214). Lecce : Pensa Multi Media.
Caldin, R; Cinotti, A; Friso, V
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2014_PRIN saggio La dimensione assiologica.pdf

Solo gestori archivio

Dimensione 1.72 MB
Formato Adobe PDF
1.72 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10281/259057
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact