Riconoscimento, partecipazione, giustificazione o critica? Verso una quarta via politico-filosofica