Ipseità e Mitsein in Heidegger alla luce del transindividuale di Gilbert Simondon