Lucrezio e la corrente sotterranea del materialismo