This paper offers a series of reflections on the research project: “Early childhood and primary school education for children aged zero through ten years: Research dialogues between Italy and Brazil”, initiated in 2015, specifically in light of the new priorities for ECE defined in the recent Italian legislation (Law 107/2015; Legislative Decree n. 65/2017). The project’s comparison of the Italian and Brazilian education systems has been based on observation and professional development activities, with the joint participation of early childhood educators and teachers in the two countries. The rich variety of educational offerings identified in ECEC settings, the educators’ reflections on the specific nature of EC learning environments, and the experiential and child-led approaches observed, encourage the adoption of an alternative perspective on educational action. Observation of the Brazilian system suggests the crucial importance of moving away from an understanding of early childhood education as the disciplinarization of educational experience. These reflections are now revisited considering the new legislative changes, and a renewed pedagogical perspective is brought to bear on identifying sharable priorities for educational experience in early childhood.

Questo contributo propone le riflessioni nate dalla ricerca “I servizi educativi e scolastici per bambini da zero a dieci anni: dialoghi in ricerca tra Italia e Brasile”, realizzata a partire dal 2015, messe a confronto con le nuove sollecitazioni che la legislazione attuale (Legge 107/2015; Decreto Legislativo n. 65/2017) ha posto come prioritarie. Il percorso di confronto sviluppato nei due Paesi, ha visto una fase osservativa e formativa, con una partecipazione diretta degli educatori in un tavolo condiviso dal nido fino alla scuola primaria. La ricchezza delle proposte nate dal nido, le riflessioni degli educatori, in termini di attenzione alla specificità degli ambienti di apprendimento, di individuazione delle proposte esperienziali a par- tire dalle domande dei bambini, ha sollecitato un modo diverso di osservare le azioni educative. Lo stesso confronto con la realtà brasiliana ha posto come prioritaria la liberazione da una precoce scolarizzazione intesa come disciplinarizzazione dell’esperienza educativa. Queste riflessioni sono ora riprese nell’ottica dei nuovi cambiamenti legislativi, recuperando un pensiero pedagogico che si interroga su quali aspetti condividere e ritenere come prioritari nelle esperienze formative per l’infanzia.

Infantino, A., Zuccoli, F. (2019). Quale cultura educativa nei servizi per i bambini da zero a sei anni? Riflettere, a partire dalle ricerche, sulle proposte attuali. In Alla ricerca di una Scuola per tutti e per ciascuno. Impianto istituzionale e modelli educativi. Convegno Internazionale SIRD (pp.75-82). Lecce : Pensa.

Quale cultura educativa nei servizi per i bambini da zero a sei anni? Riflettere, a partire dalle ricerche, sulle proposte attuali

Infantino, A
;
Zuccoli, F
2019

Abstract

Questo contributo propone le riflessioni nate dalla ricerca “I servizi educativi e scolastici per bambini da zero a dieci anni: dialoghi in ricerca tra Italia e Brasile”, realizzata a partire dal 2015, messe a confronto con le nuove sollecitazioni che la legislazione attuale (Legge 107/2015; Decreto Legislativo n. 65/2017) ha posto come prioritarie. Il percorso di confronto sviluppato nei due Paesi, ha visto una fase osservativa e formativa, con una partecipazione diretta degli educatori in un tavolo condiviso dal nido fino alla scuola primaria. La ricchezza delle proposte nate dal nido, le riflessioni degli educatori, in termini di attenzione alla specificità degli ambienti di apprendimento, di individuazione delle proposte esperienziali a par- tire dalle domande dei bambini, ha sollecitato un modo diverso di osservare le azioni educative. Lo stesso confronto con la realtà brasiliana ha posto come prioritaria la liberazione da una precoce scolarizzazione intesa come disciplinarizzazione dell’esperienza educativa. Queste riflessioni sono ora riprese nell’ottica dei nuovi cambiamenti legislativi, recuperando un pensiero pedagogico che si interroga su quali aspetti condividere e ritenere come prioritari nelle esperienze formative per l’infanzia.
No
paper
This paper offers a series of reflections on the research project: “Early childhood and primary school education for children aged zero through ten years: Research dialogues between Italy and Brazil”, initiated in 2015, specifically in light of the new priorities for ECE defined in the recent Italian legislation (Law 107/2015; Legislative Decree n. 65/2017). The project’s comparison of the Italian and Brazilian education systems has been based on observation and professional development activities, with the joint participation of early childhood educators and teachers in the two countries. The rich variety of educational offerings identified in ECEC settings, the educators’ reflections on the specific nature of EC learning environments, and the experiential and child-led approaches observed, encourage the adoption of an alternative perspective on educational action. Observation of the Brazilian system suggests the crucial importance of moving away from an understanding of early childhood education as the disciplinarization of educational experience. These reflections are now revisited considering the new legislative changes, and a renewed pedagogical perspective is brought to bear on identifying sharable priorities for educational experience in early childhood.
Continuity, specific 0-6 years curriculum, infant-toddler center (centre), nursery school
Continuità, specificità curricolo 0-6, nido, scuola dell'infanzia
Italian
Alla ricerca di una Scuola per tutti e per ciascuno. Impianto istituzionale e modelli educativi. Convegno Internazionale SIRD
978-88-6760-641-2
Infantino, A., Zuccoli, F. (2019). Quale cultura educativa nei servizi per i bambini da zero a sei anni? Riflettere, a partire dalle ricerche, sulle proposte attuali. In Alla ricerca di una Scuola per tutti e per ciascuno. Impianto istituzionale e modelli educativi. Convegno Internazionale SIRD (pp.75-82). Lecce : Pensa.
Infantino, A; Zuccoli, F
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Atti SIRD Infantino Zuccoli.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia di allegato: Publisher’s Version (Version of Record, VoR)
Dimensione 7.75 MB
Formato Adobe PDF
7.75 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/236686
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact