Il controllo dei servizi pubblici: conta solo ciò che è visibile?