La misura soggettiva in contattologia. Un peccato da estinguere?