Ogni persona è una storia: i rischi dell’“etichettamento”