Migranti e giustizia linguistica: una proposta interpretativa