Continuità nella variazione. Lettura dell'ALD-II