Dalla parola alla scrittura: il caso di emiliano, veneto e siciliano