Questo articolo indaga le dinamiche sociali innescate dall’implementazione di provvedimenti di sfratto e di sgombero nella città di Milano. Nello specifico, proviamo a concentrarci sul ruolo sociale e lavorativo di chi, con mandato istituzionale, esegue materialmente gli sfratti e gli sgomberi. Lo scopo è di mettere in luce le pratiche, gli immaginari e i mondi morali locali che indirizzano le azioni dei funzionari pubblici e dei soggetti privati responsabili di eseguire gli allontanamenti forzosi dalle abitazioni. A partire da un caso di studio milanese, intendiamo pensare e interpretare la perdita della casa come un fatto sociale, multidimensionale e articolato, che attraversa e condensa la sfera delle relazioni, delle tensioni e delle disuguaglianze degli spazi urbani contemporanei. In questo senso, attraverso l’analisi dei dati etnografici, sosteniamo la necessità di superare una diffusa percezione – prevalentemente giuridica, e retorica, primariamente mediatica e politica – sul tema degli sfratti e degli sgomberi, valorizzando le correlazioni tra implementazione del diritto, agentività, strutture sociali e modelli economici

Pozzi, G., Rimoldi, L. (2017). «Entro nella vita delle persone per farle uscire di casa». Antropologia di sfratti e sgomberi nella Milano contemporanea. ANTROPOLOGIA, 4(3), 113-135 [10.14672/ada20171347%25p].

«Entro nella vita delle persone per farle uscire di casa». Antropologia di sfratti e sgomberi nella Milano contemporanea

Pozzi, G
;
Rimoldi, L.
2017

Abstract

Questo articolo indaga le dinamiche sociali innescate dall’implementazione di provvedimenti di sfratto e di sgombero nella città di Milano. Nello specifico, proviamo a concentrarci sul ruolo sociale e lavorativo di chi, con mandato istituzionale, esegue materialmente gli sfratti e gli sgomberi. Lo scopo è di mettere in luce le pratiche, gli immaginari e i mondi morali locali che indirizzano le azioni dei funzionari pubblici e dei soggetti privati responsabili di eseguire gli allontanamenti forzosi dalle abitazioni. A partire da un caso di studio milanese, intendiamo pensare e interpretare la perdita della casa come un fatto sociale, multidimensionale e articolato, che attraversa e condensa la sfera delle relazioni, delle tensioni e delle disuguaglianze degli spazi urbani contemporanei. In questo senso, attraverso l’analisi dei dati etnografici, sosteniamo la necessità di superare una diffusa percezione – prevalentemente giuridica, e retorica, primariamente mediatica e politica – sul tema degli sfratti e degli sgomberi, valorizzando le correlazioni tra implementazione del diritto, agentività, strutture sociali e modelli economici
Articolo in rivista - Articolo scientifico
antropologia, sfratti, occupazioni abitative, economia morale, Milano
Italian
113
135
23
Pozzi, G., Rimoldi, L. (2017). «Entro nella vita delle persone per farle uscire di casa». Antropologia di sfratti e sgomberi nella Milano contemporanea. ANTROPOLOGIA, 4(3), 113-135 [10.14672/ada20171347%25p].
Pozzi, G; Rimoldi, L
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2017 Entro nella vita.pdf

accesso aperto

Dimensione 176.6 kB
Formato Adobe PDF
176.6 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/178115
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact