"Se il piede è lento, la mia mente è pronta": il ruolo formativo del pedagogo nella tragedia classica