Un "teatro senza autore". Una lettura metaforica della materialità dell'educazione