Zero, uno e gli “altri” numeri: Husserl e la tradizione empirista