Siamo una società solidale? Una lettura bioetica