La cassazione si pronuncia sul potere del giudice penale di sindacare la legittimità degli « atti amministrativi dal contenuto normativo » che regolano il rilascio dei permessi di costruire