"Io prima di te". Due fenomenologie della speranza