La radicalità necessaria e il conflitto salutare