Quando la sicurezza cortocircuita la democrazia