Aim. Anorexia nervosa (AN) and autistic spectrum disorder (ASD) may share traits such as mental rigidity and attention to detail, some of which might be familial. We aimed to investigate the distribution of autistic traits among parents of daughters suffering from eating disorders (anorexia or bulimia nervosa), comparing them with control parents. Methods.As a whole, 40 parents of women with eating disorders (60% AN, 40% BN) and 33 control parents were recruited and accepted an examination through the administration of the autism spectrum quotient (AQ). The effects of eating disorders and other psychiatric traits were excluded by using EAT-26 and SCL-90-R respectively, while decision making skills were ruled out by using the cognitive estimation task (CET). Results. AQ scores revealed a between-groups difference for a specific trait, showing a reduction in attention to detail among ED family members, especially AN parents. Discussion.These findings suggest a preference for global processing in AN parents in contrast to what found in AN patients. Our findings support the role of a candidate trait in AN parents, supporting the need of further studies on the role of attention to detail as a family marker. Conclusion. This study identified a global processing preference in AN parents, suggesting a role of attention to detail as an ideal marker to be included in a wider clinical assessment for AN patients and their families. Considering some study limitations, further research is needed

RIASSUNTO. Scopo. È noto come l'anoressia nervosa (AN) e il disturbo dello spetto autistico (ASD) condividano alcuni tratti, come la rigidità mentale e l'attenzione per i dettagli, che potrebbero essere diffusi a livello familiare. Questo studio ha lo scopo di confrontare la distribuzione di tratti autistici in genitori con figlie affette da disturbo alimentare ED (anoressia - AN o bulimia nervosa - BN) con genitori appartenenti a un gruppo di controllo. Metodi. Sono stati coinvolti 40 genitori con figlie affette da disturbo alimentare (60% con anoressia, 40% con bulimia nervosa) e 33 genitori di controllo. Tutti i genitori hanno compilato questionari specifici riguardanti il quoziente di spettro autistico (AQ) e le stime cognitive (CET). Inoltre, sono stati somministrati EAT-26 e SCL-90-R al fine di escludere la presenza di disturbi psichiatrici o alimentari nel gruppo sperimentale. Risultati. Le analisi su AQ mostrano una differenza tra i due gruppi per un tratto autistico specifico, evidenziando una riduzione significativa dell'attenzione per i dettagli nel gruppo sperimentale (ED), in particolare nei genitori di figlie affette da AN. Discussione. Questi dati suggeriscono una preferenza per un'elaborazione globale delle informazioni nei genitori AN in contrasto a quanto trovato in pazienti con AN. La presenza di aspetti depressivi, ansiosi e di disturbi alimentari è stata esclusa nei genitori nel gruppo sperimentale tramite SCL-90-R e EAT-26. Infine, la capacità di prendere decisioni, misurata dal CET, è stata esclusa dalle nostre analisi. Conclusione. Nei genitori con figlie affette da AN emerge una peculiare preferenza per un'elaborazione cognitiva globale, suggerendo il ruolo dell'attenzione per i dettagli come nuovo fattore da considerare nelle valutazione cliniche di pazienti con AN e nei loro familiari. Considerando i limiti dello studio, ulteriori approfondimenti in merito sono necessari

Chinello, A., Zappa, L., Pastori, M., Crocamo, C., Ricciardelli, P., Clerici, M., et al. (2017). [Attenzione per i dettagli in genitori di nazionalità italiana di donne affette da anoressia nervosa: uno studio comparativo]. RIVISTA DI PSICHIATRIA, 52(4), 158-161 [10.1708/2737.27908].

[Attenzione per i dettagli in genitori di nazionalità italiana di donne affette da anoressia nervosa: uno studio comparativo]

CHINELLO, ALESSANDRO
Primo
;
CROCAMO, CRISTINA;RICCIARDELLI, PAOLA;CLERICI, MASSIMO
Penultimo
;
CARRA', GIUSEPPE
Ultimo
2017

Abstract

RIASSUNTO. Scopo. È noto come l'anoressia nervosa (AN) e il disturbo dello spetto autistico (ASD) condividano alcuni tratti, come la rigidità mentale e l'attenzione per i dettagli, che potrebbero essere diffusi a livello familiare. Questo studio ha lo scopo di confrontare la distribuzione di tratti autistici in genitori con figlie affette da disturbo alimentare ED (anoressia - AN o bulimia nervosa - BN) con genitori appartenenti a un gruppo di controllo. Metodi. Sono stati coinvolti 40 genitori con figlie affette da disturbo alimentare (60% con anoressia, 40% con bulimia nervosa) e 33 genitori di controllo. Tutti i genitori hanno compilato questionari specifici riguardanti il quoziente di spettro autistico (AQ) e le stime cognitive (CET). Inoltre, sono stati somministrati EAT-26 e SCL-90-R al fine di escludere la presenza di disturbi psichiatrici o alimentari nel gruppo sperimentale. Risultati. Le analisi su AQ mostrano una differenza tra i due gruppi per un tratto autistico specifico, evidenziando una riduzione significativa dell'attenzione per i dettagli nel gruppo sperimentale (ED), in particolare nei genitori di figlie affette da AN. Discussione. Questi dati suggeriscono una preferenza per un'elaborazione globale delle informazioni nei genitori AN in contrasto a quanto trovato in pazienti con AN. La presenza di aspetti depressivi, ansiosi e di disturbi alimentari è stata esclusa nei genitori nel gruppo sperimentale tramite SCL-90-R e EAT-26. Infine, la capacità di prendere decisioni, misurata dal CET, è stata esclusa dalle nostre analisi. Conclusione. Nei genitori con figlie affette da AN emerge una peculiare preferenza per un'elaborazione cognitiva globale, suggerendo il ruolo dell'attenzione per i dettagli come nuovo fattore da considerare nelle valutazione cliniche di pazienti con AN e nei loro familiari. Considerando i limiti dello studio, ulteriori approfondimenti in merito sono necessari
No
Articolo in rivista - Articolo scientifico
Scientifica
Aim. Anorexia nervosa (AN) and autistic spectrum disorder (ASD) may share traits such as mental rigidity and attention to detail, some of which might be familial. We aimed to investigate the distribution of autistic traits among parents of daughters suffering from eating disorders (anorexia or bulimia nervosa), comparing them with control parents. Methods.As a whole, 40 parents of women with eating disorders (60% AN, 40% BN) and 33 control parents were recruited and accepted an examination through the administration of the autism spectrum quotient (AQ). The effects of eating disorders and other psychiatric traits were excluded by using EAT-26 and SCL-90-R respectively, while decision making skills were ruled out by using the cognitive estimation task (CET). Results. AQ scores revealed a between-groups difference for a specific trait, showing a reduction in attention to detail among ED family members, especially AN parents. Discussion.These findings suggest a preference for global processing in AN parents in contrast to what found in AN patients. Our findings support the role of a candidate trait in AN parents, supporting the need of further studies on the role of attention to detail as a family marker. Conclusion. This study identified a global processing preference in AN parents, suggesting a role of attention to detail as an ideal marker to be included in a wider clinical assessment for AN patients and their families. Considering some study limitations, further research is needed
Anorexia, attention, autism, bulimia, OCD
English
Italian
158
161
4
Chinello, A., Zappa, L., Pastori, M., Crocamo, C., Ricciardelli, P., Clerici, M., et al. (2017). [Attenzione per i dettagli in genitori di nazionalità italiana di donne affette da anoressia nervosa: uno studio comparativo]. RIVISTA DI PSICHIATRIA, 52(4), 158-161 [10.1708/2737.27908].
Chinello, A; Zappa, L; Pastori, M; Crocamo, C; Ricciardelli, P; Clerici, M; Carra', G
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10281/166514
Citazioni
  • Scopus 2
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
Social impact