«Capacità contributiva» e «progressività» alla prova dell’equilibrio di bilancio