«Una letteratura chiamiamola di memoria». Prima età e Una giornata memorabile a confronto