La fabbrica dei dolori e Il castello di vetro: Volponi e Ottieri allo specchio (ustorio) dell’industria