Deleuze: dall’ontologia della differenza alla logica del rizoma