Questo contributo intende esaminare alcune pagine della Differenzschrift in relazione al modo in cui in esse viene articolato il rapporto tra intuizione e finitezza. Se nella cultura filosofica del nostro tempo, segnatamente in quella di ispirazione ermeneutica, questo rapporto sembra pendere visibilmente dalla parte della finitezza, nel testo hegeliano in oggetto la situazione si presenta rovesciata: le ragioni dell’intuizione vengono fatte valere contro le ragioni della finitezza. Nell’uno e nell’altro caso, tuttavia, la separazione di intuizione e finitezza comporta un alto prezzo da pagare. In particolare, un’analisi in chiave ‘semantica’ dell’operazione hegeliana, attenta a seguire da vicino i delicati passaggi argomentativi che la sorreggono, rivela che, divorziando dalla finitezza, l’intuizione rischia di perdere Sinn e Bedeutung (nel senso di Kant, KrV B 118) e di approdare a una terra che non è più quella della verità.

Bertolotti, G. (2004). Filosofare senza intuizione? Disperdersi senza fine in assolute finitezze. In M. Cingoli (a cura di), L'esordio pubblico di Hegel. Guerini e associati.

Filosofare senza intuizione? Disperdersi senza fine in assolute finitezze

BERTOLOTTI, GIORGIO
2004

Abstract

Questo contributo intende esaminare alcune pagine della Differenzschrift in relazione al modo in cui in esse viene articolato il rapporto tra intuizione e finitezza. Se nella cultura filosofica del nostro tempo, segnatamente in quella di ispirazione ermeneutica, questo rapporto sembra pendere visibilmente dalla parte della finitezza, nel testo hegeliano in oggetto la situazione si presenta rovesciata: le ragioni dell’intuizione vengono fatte valere contro le ragioni della finitezza. Nell’uno e nell’altro caso, tuttavia, la separazione di intuizione e finitezza comporta un alto prezzo da pagare. In particolare, un’analisi in chiave ‘semantica’ dell’operazione hegeliana, attenta a seguire da vicino i delicati passaggi argomentativi che la sorreggono, rivela che, divorziando dalla finitezza, l’intuizione rischia di perdere Sinn e Bedeutung (nel senso di Kant, KrV B 118) e di approdare a una terra che non è più quella della verità.
Capitolo o saggio
Hegel, intuizione, finitezza, verità, Kant
Italian
L'esordio pubblico di Hegel
8883355407
Bertolotti, G. (2004). Filosofare senza intuizione? Disperdersi senza fine in assolute finitezze. In M. Cingoli (a cura di), L'esordio pubblico di Hegel. Guerini e associati.
Bertolotti, G
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/14919
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact