Astrattezza della norma e quotidianità dell’esperienza