Gli incubi di Orwell trasferiti nell’Abistan