Lettera a Edoardo De Filippo, ovvero la noia come rimedio alla creatività