L’introduzione delle tecnologie digitali nel mondo del graphic design a partire dagli anni ottanta dà origine a un insieme di competenze, metodologie e figure professionali che può essere indicato con l’espressione digital design. In questo contesto, molte donne sono state protagoniste, presenze significative e strategiche, contribuendo con intuizioni teoriche, approcci multidisciplinari e originalità progettuale. L’articolo propone una narrazione alternativa dello sviluppo del digital design, identificando e ripercorrendo il lavoro di figure femminili – sette come la costellazione delle Pleiadi – a vario titolo archetipiche dell’incontro tra cultura progettuale e mondi digitali: Brenda Laurel, Laurie Anderson, Susan Kare, Amy Franceschini, Lynda Weinman, Molly E. Holzschlag e Sherry Turkle. L’obiettivo è sia delineare una storia dal punto di vista delle donne, sia mappare e sedimentare, per futuri approfondimenti, una serie di questioni relative allo statuto disciplinare del graphic design in seguito all’incontro con le tecnologie digitali e di vicende che rischiano di rimanere in ombra, come le loro protagoniste.

Bollini, L. (2016). Le Pleiadi: una prospettiva storica sulla costellazione delle protagoniste della rivoluzione tecnologica e del design digitale. AIS / DESIGN, 8.

Le Pleiadi: una prospettiva storica sulla costellazione delle protagoniste della rivoluzione tecnologica e del design digitale

Bollini, L
2016

Abstract

L’introduzione delle tecnologie digitali nel mondo del graphic design a partire dagli anni ottanta dà origine a un insieme di competenze, metodologie e figure professionali che può essere indicato con l’espressione digital design. In questo contesto, molte donne sono state protagoniste, presenze significative e strategiche, contribuendo con intuizioni teoriche, approcci multidisciplinari e originalità progettuale. L’articolo propone una narrazione alternativa dello sviluppo del digital design, identificando e ripercorrendo il lavoro di figure femminili – sette come la costellazione delle Pleiadi – a vario titolo archetipiche dell’incontro tra cultura progettuale e mondi digitali: Brenda Laurel, Laurie Anderson, Susan Kare, Amy Franceschini, Lynda Weinman, Molly E. Holzschlag e Sherry Turkle. L’obiettivo è sia delineare una storia dal punto di vista delle donne, sia mappare e sedimentare, per futuri approfondimenti, una serie di questioni relative allo statuto disciplinare del graphic design in seguito all’incontro con le tecnologie digitali e di vicende che rischiano di rimanere in ombra, come le loro protagoniste.
Articolo in rivista - Articolo scientifico
design delle interfacce, digital design, donne designer, interface design, multimodalità, multimodality, web design, women designers
Italian
AIS/Design permette agli autori il libero uso dei loro scritti a un intervallo di tempo adeguatamente distante dalla pubblicazione sulla rivista dell’Associazione, purché venga citata la fonte di prima pubblicazione.
Bollini, L. (2016). Le Pleiadi: una prospettiva storica sulla costellazione delle protagoniste della rivoluzione tecnologica e del design digitale. AIS / DESIGN, 8.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
083-2016-P-Bollini-AISDesign-8.pdf

accesso aperto

Tipologia di allegato: Publisher’s Version (Version of Record, VoR)
Dimensione 522.18 kB
Formato Adobe PDF
522.18 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/139782
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact