This article analyzes the construction of the alien’s image in The Suppliants of Aeschylus. First, the foreigner excites curiosity and fascination, then he stirs up anxiety and rejection and he becomes ‘barbarian’, member of a culture uncivilized. Moreover, the author uses the look of the Other to describe apologetically his own culture and his own democracy. The analysis of the tragedy is useful to understand how we relate to other cultures and how we create the alien’s image even in the present.

Il contributo analizza la costruzione dell’immagine dello straniero nelle Supplici di Eschilo. Dapprima lo straniero suscita curiosità e fascinazione, poi invece ispira inquietudine e rifiuto, diventando ‘barbaro’, appartenente a una cultura incivile. Inoltre, l’autore dell’opera utilizza lo sguardo dell’Altro per definire apologeticamente la propria cultura e la propria democrazia. L’analisi della tragedia ci spinge a riflettere e a cercare di essere più consapevoli di come ci relazioniamo alle culture altre e come noi costruiamo l’immagine dell’altro anche nell’epoca attuale.

Seveso, G. (2016). Esuli e aggressori che vengono dal mare: la costruzione dell’immagine dello straniero nelle Supplici di Eschilo - Refugees and Assailants from the Sea: the Construction of Alien’s Image in The Suppliants of Aeschylus, 241-258 [10.14516/fdp.2016.007.001.008].

Esuli e aggressori che vengono dal mare: la costruzione dell’immagine dello straniero nelle Supplici di Eschilo - Refugees and Assailants from the Sea: the Construction of Alien’s Image in The Suppliants of Aeschylus

Seveso, G
2016

Abstract

Il contributo analizza la costruzione dell’immagine dello straniero nelle Supplici di Eschilo. Dapprima lo straniero suscita curiosità e fascinazione, poi invece ispira inquietudine e rifiuto, diventando ‘barbaro’, appartenente a una cultura incivile. Inoltre, l’autore dell’opera utilizza lo sguardo dell’Altro per definire apologeticamente la propria cultura e la propria democrazia. L’analisi della tragedia ci spinge a riflettere e a cercare di essere più consapevoli di come ci relazioniamo alle culture altre e come noi costruiamo l’immagine dell’altro anche nell’epoca attuale.
Articolo in rivista - Review Essay
This article analyzes the construction of the alien’s image in The Suppliants of Aeschylus. First, the foreigner excites curiosity and fascination, then he stirs up anxiety and rejection and he becomes ‘barbarian’, member of a culture uncivilized. Moreover, the author uses the look of the Other to describe apologetically his own culture and his own democracy. The analysis of the tragedy is useful to understand how we relate to other cultures and how we create the alien’s image even in the present.
Foreigner people in ancient Tragedy; Ancient education and foreigners; Education and foreigners in Aeschylus; Ancient education and identity;Ancient education and barbarians
Stranieri nella tragedia antica; educazione antica e stranieri; educazione all'Altro in Eschilo; educazione antica e identità; educazione antica e barbari
Italian
241
258
18
Esta obra está bajo una licencia Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International (CC BY-NC-ND 4.0)
Seveso, G. (2016). Esuli e aggressori che vengono dal mare: la costruzione dell’immagine dello straniero nelle Supplici di Eschilo - Refugees and Assailants from the Sea: the Construction of Alien’s Image in The Suppliants of Aeschylus, 241-258 [10.14516/fdp.2016.007.001.008].
Seveso, G
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Esuli e aggressori in Eschilo.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale completo
Dimensione 174.62 kB
Formato Adobe PDF
174.62 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10281/139627
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact