I consumi culturali tra distinzione e onnivorismo