Curatore e “amministrazione interimistica” dell’eredità giacente. Spunti per una riflessione storico-comparatistica