Contratti di rete ed attori del credito: un’ipotesi interpretativa