Il «custode della finanza pubblica allargata» e gli oneri della potestà di coordinamento