La Pira e la Resistenza come responsabilità del pensiero