Una politica ecclesiastica per l’islam?