Echi del passato e istanze riformiste: Beccaria e il processo penale