La prima parte del lavoro offre una ricostruzione dello stato della giurisprudenza e della dottrina in materia di responsabilità degli amministratori per violazione dei doveri di diligenza e di fedeltà all’interesse sociale (i cc.dd. duty of care e duty of loyalty), soffermandosi sui limiti ai poteri del giudice di sindacare il merito delle scelte di gestione (business judgment rule). Nell’ambito delle pronunce di merito e di legittimità più recente viene isolata e valorizzata la tendenza giurisprudenziale ad utilizzare il metro della coerenza di una scelta di gestione all’interesse sociale o, se si preferisce, della “ragionevolezza” della medesima scelta quale criterio di valutazione in concreto dell’adempimento del dovere di diligenza da parte degli amministratori. Nella seconda parte del lavoro il tema della responsabilità da gestione è calato nel contesto delle operazioni infragruppo, viene affrontata in particolare la teoria dei c.d. ‘vantaggi compensativi’ e ne vengono individuati i confini alla luce della nuova disciplina della responsabilità da direzione e coordinamento di cui all’art. 2497 c.c

Monaci, D. (2005). Sindacato giudiziario della diligenza dell’amministratore e prova dei vantaggi compensativi (Nota a Cass. sez. I civ. 24 agosto 2004, n. 16707). GIURISPRUDENZA COMMERCIALE, 32(4), 406-434.

Sindacato giudiziario della diligenza dell’amministratore e prova dei vantaggi compensativi (Nota a Cass. sez. I civ. 24 agosto 2004, n. 16707)

MONACI, DEBORA
2005

Abstract

La prima parte del lavoro offre una ricostruzione dello stato della giurisprudenza e della dottrina in materia di responsabilità degli amministratori per violazione dei doveri di diligenza e di fedeltà all’interesse sociale (i cc.dd. duty of care e duty of loyalty), soffermandosi sui limiti ai poteri del giudice di sindacare il merito delle scelte di gestione (business judgment rule). Nell’ambito delle pronunce di merito e di legittimità più recente viene isolata e valorizzata la tendenza giurisprudenziale ad utilizzare il metro della coerenza di una scelta di gestione all’interesse sociale o, se si preferisce, della “ragionevolezza” della medesima scelta quale criterio di valutazione in concreto dell’adempimento del dovere di diligenza da parte degli amministratori. Nella seconda parte del lavoro il tema della responsabilità da gestione è calato nel contesto delle operazioni infragruppo, viene affrontata in particolare la teoria dei c.d. ‘vantaggi compensativi’ e ne vengono individuati i confini alla luce della nuova disciplina della responsabilità da direzione e coordinamento di cui all’art. 2497 c.c
Nota a sentenza
Società di capitali, Amministratori, Responsabilità, Dovere di diligenza, Interesse sociale, Vantaggi compensativi
Italian
406
434
Monaci, D. (2005). Sindacato giudiziario della diligenza dell’amministratore e prova dei vantaggi compensativi (Nota a Cass. sez. I civ. 24 agosto 2004, n. 16707). GIURISPRUDENZA COMMERCIALE, 32(4), 406-434.
Monaci, D
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10281/13205
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
Social impact