Molteplicità, frammentazione e oscurità delle fonti: è possibile la trasparenza?